La Sardina secca del Presidio a rischio? Facciamo chiarezza!

Clima troppo umido_ a rischio la prelibata sardina - Sebino e Franciacorta - Giornale di Brescia_Pagina_1

In conseguenza alla lettura dell’articolo sopra citato, pubblicato sul sito del Giornale di Brescia,  ci è parso opportuno far seguire un nostro chiarimento in merito al rischio, paventato nel titolo dello stesso, di un possibile rischio di reperibilità della sardina essiccata tradizionale del lago d’Iseo.

Ci preme innanzitutto ringraziare e complimentarci con la giornalista che ha redatto l’articolo fornendo visibilità e spunti di riflessione utili su un tema che a noi sta molto a cuore: la tutela delle lavorazioni tradizionali e la selezione consapevole delle materie prime.

Uno degli scopi dell’istituzione del Presidio è proprio quello di certificare le sardine pescate nel lago d’Iseo e lavorate tradizionalmente per distinguerle, come egregiamente spiegato nell’articolo, da quelle del lago di Garda e da quelle ottenute da lavorazioni industriali che ne riducono il profilo organolettico.

In sintesi se vole te gustare delle ottime sardine essiccate del lago d’Iseo cercate questo simbolo  sulla confezione oppure sul menù del ristorante.

Detto ciò riteniamo non sia fondato l’allarme che si può intuire relativamente alla reperibilità di sardine essiccate in maniera tradizionale (all’aperto) poichè i “nostri” pescatori, interrogati sull’argomento,  ci hanno assicurato che hanno raggiunto una quota di pescato paragonabile a quella dello scorso anno e l’essiccazione all’aperto è stata condotta con buoni risultati durante lo scorso novembre e dicembre.

Tali condizioni hanno permesso di poter porre rimedio alle condizioni meteorologiche di gennaio e febbraio che si sono mostrate non compatibili con una essiccazione secondo le abitudini.

La sapienza dei pescatori del lago d’Iseo ha saputo, anche in questo caso, rimediare ai capricci del meteo ed alle variabili ambientali.

Invitiamo tutti, anche l’autrice dell’articolo, ad assaggiare la Sardina tradizionale essiccata del lago d’Iseo e lasciarsi piacevolmente sorprendere dal suo gusto!

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Slow Food e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...