Nutrire la Franciacorta: la firma dell’accordo

Sabato 28 dicembre 2013, nella sala consiliare del comune di Paderno Franciacorta si è concluso il primo atto formale del progetto Nutrire la Franciacorta che concretizza così la logica e la potenzialità dell’adesione di Slow Food come partner al progetto Terre della Franciacorta.

IMG_7224
Alla presenza del sindaco ospite Antonio Vivenzi, del sindaco di Iseo Riccardo Venchiarutti, del Sindaco di Corte Franca Giuseppe Foresti e di Silvano Brescianini, vicepresidente del Consorzio Vini Franciacorta, è stato firmato il primo accordo di uso agricolo d’eccellenza per terreni comunali che verranno affidati alla competenza della Società Cooperativa Sociale Agricola Clarabella.

Il progetto mira a riproporre sul territorio di Franciacorta esempi di agricoltura sostenibile finalizzata alla produzione di cibo di qualità a tutela della biodiversità locale secondo i sistemi economici di prossimità delle Comunità del Cibo di Slow Food Terra Madre.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Patrizia Ucci, il fiduciario della Condotta Slow Food Oglio Franciacorta Lago d’Iseo, ha sottolineato come questo fosse stato il sogno che a suo tempo aveva spinto il gruppo della Condotta ad aderire a Terra della Franciacorta.

L’idea parte dal presupposto che l’agricoltura, quella straordinaria di eccellenza, accompagnata dalla sapienza della tradizione, della trasformazione e della conservazione del cibo, possa rappresentare oggi uno sbocco lavorativo per molti giovani legandoli al proprio territorio e valorizzando le produzioni locali.

Con orgoglio, Patrizia Ucci ha rivendicato le prime ricadute lavorative positive ottenute dalla creazione del Presidio della Sardina essiccata tradizionale del Lago d’Iseo che ha visto ritornare proprio quest’anno un piccolo gruppo di giovani al mestiere di pescatore.

Interviene dunque il Sindaco Vivenzi, che ha avuto la lungimiranza di intuire la potenzialità del progetto come strumento di riqualificazione ambientale ed economica del territorio, ma anche di valorizzazione turistica.

Per questo, Vivenzi ha inteso sostanziare l’intervento pubblico in modo concreto affidando i propri terreni incolti a titolo gratuito in cambio di una ricaduta occupazionale sul proprio comune. Il sindaco ha invitato gli altri comuni del patto a fare altrettanto, ma anche privati ed imprenditori ad aderire al progetto. L’opportunità sarebbe di dare in comodato od in affitto i propri terreni oppure orientare le proprie culture agricole seguendo le linee previste dal progetto Comunità del Cibo.

Il fiduciario Patrizia Ucci ha poi prospettato l’idea di un collegamento con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo finalizzato alla rinascita della Scuola Rurale di Paderno al fine di sostenere il bisogno di formazione che questo progetto renderà necessario.

 

Ha concluso la mattinata l’intervento di Silvio Barbero Vice Presidente Slow Food che ha sottolineato come sia importante che, soprattutto chi amministra, sia consapevole della necessità di spingere progetti agricoli finalizzati alla conservazione e tutela attiva del territorio e dell’ambiente ed allo sviluppo economico. Ha sottolineato come anni di politiche agricole orientate verso produzioni industriali abbiano portato ad una produzione di cibo sufficiente per quasi il doppio degli abitanti della terra.

Politiche che di fatto non hanno per nulla modificato le problematiche dell’accesso al cibo. La malnutrizione e la fame fanno coppia con l’obesità e le malattie metaboliche, due opposti che non sono stati mediati da queste politiche. Al punto che anche la FAO per il 2014 ha lanciato la campagna dell’agricoltura familiare tradizionale come reale sistema per combattere la fame nel mondo.

La convinzione è che la produzione artigianale possano trainare l’industriale dall’estero e contribuire al benessere e allo sviluppo del nostro territorio.

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Franciacorta, Presentazione, Slow Food e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...